Biography

Nel 2003, dopo essersi trasferito da Chicago, IL a Los Angeles, CA, Umar Rashid (Chicago, 1976), ha iniziato a scrivere e rappresentare la storia dell’Impero Franco-inglese (un insieme di Francia e Inghilterra) dal 1658 al 1880, partendo dal presupposto che la Francia e l’Inghilterra, storicamente antagoniste, avessero in realtà stretto una blanda alleanza e si fossero unificati in un solo, gargantuesco impero coloniale. L’Impero Franco-inglese governava su una vasta area del pianeta, spesso contesa dagli imperi tradizionali storici di Spagna, Portogallo, Olanda, Prussia, Austria (e stati “clienti” del Sacro Romano Impero), Russia e dall’Impero Ottomano. Ma il punto focale sel suo lavoro è la storia reinventata delle persone di colore, che sono state spesso emarginate e omesse dalla grande storia, e la mescolanza di razza, genere, classe e soprattutto potere nel mondo colonial. Nel processo di riscrittura e rappresentazione di questa storia, l’artista ha creato narrazioni alternative che fanno riferimenti alla grande narrativa e alla cosmologia degli imperi, con un focus sulla religione e sulla spiritualità. E il filo rosso del suo lavoro è l’iconografia utilizzata come segno distintivo tra il passato, il presente e il futuro. Questo elemento si ritrova nelle opera attraverso il “Sistema Imperiale di tatuaggi” (un mezzanismo che l’artista utilizza per classificare, definire e differenziare i personaggi nelle storie) e attraverso mappe e diagrammi cosmologici. Il suo sistema narrativo è inoltre largamente influenzato dalla cultura hip hop della sua giovinezza (Età dell’oro), vari riferimenti passati e presenti alla cultura pop, alla cultura delle gang e dei prigionieri, e ai movimenti rivoluzionari nella storia.Umar Rashid attualmente vive e lavora a Los Angeles. Ha esposto le sue opere a livello internazionale in importanti istituzioni pubbliche e gallerie private.

Read more

Artworks

Journal

Events, Posted on 08/04/2019

OPENING THE FATE OF EMPIRES

by Camilla Nacci

Giovedì 4 aprile ha inaugurato nelle due sedi Cellar Contemporary e Studio d'Arte Raffaelli la mostra che vede protagonisti gli artisti Andrew Gilbert, Jarmila Mitríková & Dávid Demjanovič e Umar Rashid (Frohawk Two Feathers)

Read more